Livorno: Corriprimavera nel segno dei gemelli Dini.

arrivo.JPGVittoria sulle strade di casa per Lorenzo, affiancato da Samuele

La 34^ edizione del Corriprimavera Laviosa di domenica 19 maggio si è corsa alla luce di un timido sole che, dopo le abbondanti piogge della notte, ha fatto capolino da dietro le nuvole; nonostante il maltempo dei giorni precedenti, i podisti non si sono scoraggiati ed in circa 500 si sono presentati al tradizionale appuntamento.

Tra di loro, i due gemelli di casa, Lorenzo e Samuele Dini (Atl. Livorno, vedi foto in alto) che fin dalla partenza hanno imposto un ritmo con pochi seguaci: al 3° km si trovavano già soli, proseguendo in scioltezza per la parte di percorso che presentava qualche lieve dislivello. I due hanno chiuso la gara fianco a fianco, dopo un giro di pista dentro al campo di atletica, in 43’14”. Il terzo, Hicham Midar (GS Il Fiorino) è giunto in 45’53”.

La gara femminile è stata vinta dalla pisana Ilaria Bianchi (Team Cellfood) in 52’55”, seguita da Francesca Caroti Ghelli (Atl. Castello, 55’46”) e Chiara Giangrandi (GP Alpi Apuane, 56’21”). Più di 200 le premiazioni dei singoli atleti, distribuiti nelle varie categorie, oltre ai riconoscimenti per i gruppi più numerosi: prevedibile il primo posto per la società Livorno team running che ha portato in sede una bicicletta e confezioni di vino Frescobaldi.

Nell’ambito delle manifestazioni collaterali per S. Giulia (patrona della città), uno spazio è stato riservato anche alle nuove leve con le gare per gli Esordienti: una schiera di piccoli atleti si sono riversati in pista subito dopo la partenza dei grandi.

A conclusione di questa bella giornata di sport, il Comitato Organizzatore ringrazia tutti coloro che hanno partecipato ed aspetta tutti per la prossima edizione.

I risultati completi sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione.

(foto di Andrea Maggini)

Fonte:

BS Press Service

Livorno: Corriprimavera nel segno dei gemelli Dini.ultima modifica: 2013-05-21T22:36:00+02:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento