PisaMarathon: sconto del 50% a chi avrebbe dovuto correre la NYC Marathon 2012!

PisaMarathon Locandina 50% sconto.jpgMichele Passarelli Lio, Presidente dell’Associazione PisaMarathon Strapazzata Club, organizzatore della maratona di Pisa e che in questi giorni si trovava  a New York ha deciso di dare l’opportinutà di “riscattarsi” a tutti i runner che come lui avrebbero dovuto correre la “Maratona della Grande Mela” offrendo la possibilità di correre la PisaMarathon in programma il prossimo 16 Dicembre 2012 con iscrizione scontata del 50% . Chiunque voglia approfittare di questa occasione lo può fare iscrivendosi entro il 15 Novembre 2012. Queste le sue parole:

“Abbiamo subito deciso di fare uno speciale sconto del 50% sulla tariffa d’iscrizione in vigore per tutti coloro che erano iscritti qui a New York. Italiani o stranieri non importa, tutti saranno i benvenuti a Pisa!”

“Lasciando da parte la delusione, ovvia, di non aver corso dopo 4 mesi di allenamento e tutte le aspettative del caso, la decisione di annullare la Maratona la comprendo: ci sono 1,5 milioni di persone senza acqua e luce, ancora si cercano dispersi e distogliere risorse ora sarebbe stato azzardato. E’ vergognosa però  la tempistica. Martedì ci hanno detto di partire, che non c’erano problemi e che si sarebbe corso, venerdì, quando eravamo qui tutti, e abbiamo tutti speso lo spendibile, ti dicono che avevano scherzato e che possiamo fare i turisti. Veramente un comportamento che si commenta da solo. Ieri sera, anche parlando con altri maratoneti italiani, abbiamo pensato di provare a dare un segno tangibile, anche se modesto, di solidarietà. A chi, come noi, ha subito questa delusione. Tutti gli iscritti alla NYCM 2012 sono invitati a Pisa per il prossimo 16 Dicembre con un prezzo scontato del 50% su quello attuale. E’ un semplice gesto di vicinanza che, almeno io, avrei molto piacere di ricevere”

PisaMarathon: sconto del 50% a chi avrebbe dovuto correre la NYC Marathon 2012!ultima modifica: 2012-11-03T18:27:00+01:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento