02 Settembre 2012: Salvatore Basile e Milena Megli trionfano all’ “Abetone Dynamo Trail”.

abetone,dynamo,trail,salvatore basile,milena megliabetone,dynamo,trail,salvatore basile,milena megliABETONE per una domenica è stata invasa dai podisti per contendersi la seconda edizione della “Abetone Dynamo Trail”, manifestazione disputatasi sulla distanza di 20 chilometri per i competitivi partendo dalla piazza principale di Abetone per poi attraversare la pista di fondo, Boscolungo,Val di Luce  per poi ritornare nella piazza di Abetone.

La gara se l’ aggiudica Salvatore Basile (Atletica Futura) che si sbarazza di Alessandro Donati (Atletica Panaria), terzo posto ex equo per il bolognese Vincenzo Di Paolo (Polisportiva Monte San Pietro) e Tommaso Manfredini (Atletica Panaria), quinto Mauro Nocera (Team Runners Livorno). Nei Veterani il successo è andato al pistoiese Massimiliano Begliomini (Silvano Fedi) davanti a Mileno Frediani (Atletica Valdarno) e  Antonio Prozzo (Atletica Futura). Ancora un rappresentante della Silvano Fedi sul podio più alto negli Argento con Ivaldo Caporali che doma la resistenza del fiorentino Angelo Cittadini (Marathon Club Figline) e di Enzo Moscato (Runners Barberino). Nelle donne successo per la fiorentina Milena Megli (Assi Giglio Rosso), con un passato nella marcia dove si è laureata anche campionessa del modo di marcia su strada master. L’atleta in canotta biancorossa precede sul traguardo la rappresentante della Silvano Fedi Elisabetta Caporali, Gianfranca Secci (Montemurlo M.T. ), Alessia Picchi (Uisp Prato) e Federica Mencarelli (Avis Foiano). Milvia Babbini (Croce Oro Prato) si classifica al primo posto nelle Veterane davanti a Immacolata Izzo (Misericordia Aglianese). La classifica di ssocietà vede trionfare la Silvano Fedi Pistoia con 15 iscritti, seconda l’ Atletica Signa (7) e Runners Barberino (5).

 

Fonte: Giancarlo Ignudi

02 Settembre 2012: Salvatore Basile e Milena Megli trionfano all’ “Abetone Dynamo Trail”.ultima modifica: 2012-09-04T22:54:00+02:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento