Podismo e volontariato: “basta poco……che ce vo’!!!” Proviamoci anche noi…!

cariparma 1.JPGcariparma 2.JPGcariparma 3.JPG

 

 

 

 

 

 

In questo articolo vogliamo mettere in evidenza come sia possibile, ed anche facile a volte, abbinare lo sport, in questo caso il podismo, con il volontariato. Lo spunto per scrivere quanto segue ci è venuto inizialmente dalla nostra pubblicazione dell’articolo che è apparso su Corrintoscana il 22 Agosto scorso dove avevamo descritto l’impresa dei tre maratoneti che avevano spinto l’amico diversamente abile da Cremona fino a Genova per 180 km per esaudire il suo desiderio di vedere il mare per la prima volta.

Grazie a questo articolo ci aveva contattato l’amico Gilardi Francesco che, a sua volta ci aveva inviato le info riguardanti la corsa di 84 km Pontremoli-Parma denominata “Corriamo per i  bimbi di Camilla”, un’iniziativa benefica con il fine di raccogliere fondi per Camilla una “persona speciale” che si occupa da anni, mettendo a disposizione la propria casa, di bambini di ogni eta’ che per problemi sociali/legali sono temporaneamente distaccati dalle famiglie di appartenenza dal tribunale dei Minori. Sempre l’amico Francesco ci ha inviato le foto (…allegate al post…) della sua esperienza alla CariParma, corsa di 10 km, durante la quale lui ed altri suoi compagni hanno spinto tre loro amici diversamente abili.

Francesco ci ha raccontato le sue sensazioni:

“…..e’ stata un esperienza bellissima per noi spingitori ed anche per loro…..“alla prossima Pontremoli Parma che organizzero’, spero in settembre, si sono gia’ prenotati. Naturalmente cerchiamo volontari spingitori che a turno assieme a noi accompagnino questi tre ragazzi lungo tutto il percorso 84 km”…”mettermi in contatto anche via mail con i tre spingitori che da Cremona a Genova  hanno spinto il loro amico, per chiedere loro alcune informazioni. Il mio numero di cellulare è 3406232270 ……..cosa posso dire….la mia esperienza personale sulla corsa con i ragazzi e’ stata splendida anche perche’ sicuramente serve a sensibilizzare molte persone specialmente nello sport . Sono iscritto ad un gruppo di volontari che una volta al mese accompagnano i ragazzi ,diversamente abili , a trascorrere qualche ora piacevole ,cinema,pizzeria e anche attivita’ motorie. La corsa fatta in questo modo e’ stata molto apprezzata da loro. Correre in una strada completamente isolata dal traffico piena di gente, scambiando qualche chiacchera e fermandosi ai ristori per loro e’ stata un esperienza da ripetere.

 

L’eperienza di Francesco e dei tre spingitori di Genova ci fa capire che a volte il nostro divertimento può tranquillamente essere “usato” anche per fare beneficenza e volontariato allo stesso tempo, mentre spesso non realizziamo questa “verità” lasciandoci prendere solo dall’egoismo personale e facendoci sfuggire delle grandi opportunità per aiutare il prossimo. Quindi a Francesco, ai tre spingitori di Genova ed a tutti coloro che riescono a trasformare il proprio divertimento in un’ occasione di aiuto per coloro che sono in difficoltà vanno i nostri elogi e complimenti….mentre a tutti gli altri diciamo……proviamoci anche noi!!!!!

 

 

Podismo e volontariato: “basta poco……che ce vo’!!!” Proviamoci anche noi…!ultima modifica: 2011-09-21T00:06:00+02:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento