27 Febbraio 2011: alla Roma-Ostia domina l’etiope Beyu.

roma-ostia.gifNuovo percorso….11mila iscritti…la mezzamaratona più partecipata d’Italia non tradisce le attese!

La gara maschile si presenta subito con un buon ritmo: ci pensa il keniano Kurgat a “guidare” per cercare un crono importante, ma dopo la metà gara il copione era gia ben definito. Difatti in testa ci sono Beyu Megersa e i keniani Chebii e Kimurer:un trio rimasto tale fino all’approssimarsi al mare quando l’etiope Beyu forza l’andatura fino a fare la selezione definitiva lasciando la compagnia ed involandosi per una vittoria strepitosa in 59’58” record del percorso. Ha detto il vincitore:

“stavo bene e avevo preparato la gara,dovevo anche rifarmi della delusione dello scorso anno quando per problemi intestinali dovetti alzare bandiera bianca,che bello correre a Roma!!”

Primo azzurro al settimo posto è stato Ruggero Pertile con il crono di 1h02’58”:

“Va bene cosi,correre 18km da solo e finire ancora con il mio secondo crono di sempre sulla distanza va bene.Avessi trovato atleti al mio livello avrei sicuramente corso piu forte ma non mi posso di certo lamentare.Adesso tornerò in kenia per un ulteriore periodo di preparazione in vista della maratona di Milano dove proverò a correre un tempo sotto le 2h09′,tempi che sento di valere”

Tra le donne invece duello da subito tra la nostra Anna Incerti e la portoghese Augusto con quest’ultima sempre a condurre l’azione per 15km quando l’azzurra l’ha affiancata per tre chilometri, ed al 18esimo ancora l’azzurra ha forzato con un allungo su una piccola salitella andando a prendere quei metri sufficienti per controllare, evitare la volata e presentarsi a braccia alzate sul traguardo con il proprio record personale nonche record del percorso a 1h09’06, risultato che le vale anche la miglior prestazione europea dell’anno e settima al mondo.
La Incerti:

“Non ci credevo proprio di poter ottenere un simile risultato,dopo Osaka era tutto un po una sorpresa e sono proprio contenta di quanto fatto.L’allungo al 18km??Era stato studiato per evitare la volata della Augusto ed è andata bene”.

Approvato da tutti gli atleti il nuovo percorso della RomaOstia e subito nobilitato con due prestazioni di rilievo mondiale,di buon auspicio per il 2012 per ottenere cronometricamente ancora qualcosa di piu…

27 Febbraio 2011: alla Roma-Ostia domina l’etiope Beyu.ultima modifica: 2011-02-27T19:05:00+01:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento