18 Settembre 2010: Kipkering e Ceretto dominano alla Maratona del Mugello!

maratona mugello.jpgLa Maratona del Mugello a Kipkering e Ceretto.

La Classifica completa.

Prologo
Il Mugello, a pochi chilometri da Firenze, è denominato “Giardino della Toscana” per via dei vari colori che, in particolare in settembre, cambiano visibilmente, rendendo unico questo lembo di terra,  prova ne è che gli artisti, dai più importanti ai meno noti, hanno per secoli impressionato le valli mugellane sulle loro tavolozze. E non mancano nel Mugello tracce di una storia millenaria ed importante. Lungo il corso della Sieve, a distanza ravvicinata sorgono centri di antica origine e complessa matrice: da importanti insediamenti etruschi a colonie e borghi in epoca romana e successivamente in epoca medievale, dimora di note famiglie quali i Guidi e gli Ubaldini, ma ancor più residenza estiva dei Medici. Senza contare che queste valli diedero i natali ad artisti quali Giotto e il Beato Angelico.

La Maratona
Per la maratona che ospita Borgo San Lorenzo annualmente e gli altri centri della vallata, si è scelto nel corso degli anni un percorso che tenesse conto del paesaggio sia turistico che storico.
Un cambiamento decisivo lo si è apportato quest’anno, sia con il cambio dell’orario, anticipandolo di un’ora rispetto al consueto, ovvero partenza alle ore 14.00 anche se ciò ha comportato qualche veicolo di troppo sulla comunale, unica strada per molti di ritorno dal lavoro; sia con il passaggio sulla nuovissima ciclabile sulla Sieve, una diecina di chilometri in tutto, tanto apprezzata dai partecipanti.
Il consueto passaggio attraverso San Piero a Sieve con lo sfondo la fortezza medicea e il castello di Trebbio, l’attraversamento di Scarperia e dentro il Palazzo de’ Vicari, mentre una pioggia battente si abbatteva sul folto gruppo degli atleti. Assenti quest’anno gli sbandieratori per un errore tecnico, tradizione che verrà puntualmente ripresa dalla prossima edizione.
Poi dopo Luco il passaggio di nuovo in Borgo San Lorenzo ove chi non voleva proseguire per la maratona poteva fermarsi al traguardo non competitivo della 26 km.

I Top Runner
Un parterre di atleti degno delle migliori maratone quello schierato alla partenza di questa edizione della Maratona del Mugello, la maratona più antica d’Italia: i keniani d’Italia, Philimon Kipkering in forza all’Atletica Castello, che vive ormai da anni a Siena, e Rotich Solomon del Violetta club, ma anche il vincitore uscente, Emanuele Zenucchi, grande protagonista della scorsa edizione. E poi Pietro Colnaghi e Alessandro Manente, Paolo Battelli della Corradini Rubiera vincitore di una Pistoia Abetone  e soprattutto fra le donne l’azzurra di ultramaratona, la genovese medico-fisioterapista,  Sonia Ceretto, iscrittasi negli ultimi giorni, vincitrice del Passatore 2010 e vincitrice proprio la domenica precedente della 30 km della Duchessa in quel di Parma.
Per Sonia in particolare doveva trattarsi di un allenamento in vista dei mondiali di 100 km in programma il 7 novembre a Gibilterra: previsto per lei infatti un pò di chilometri prima e dopo, ma il solito caos sulla strade nazionali ha fatto sì che arrivasse a Borgo a pochi minuti dalla partenza effettiva della gara, vanificando i suoi piani. Questo non le ha impedito di condurre una gara esemplare, accorta, tranquilla e con anche la realizzazione del suo personal best sulla distanza.

La gara
Alle 14 come previsto dopo un minuto di raccoglimento in onore e memoria del Presidente del Club Supermarathon Italia, Sergio Tampieri, venuto a mancare proprio a pochi giorni dall’evento, di Roberto Gherardi, ideatore di questa manifestazione e non ultimo del Tenente Alessandro Romani, l’ultima vittima italiana in quella valle di lacrime che è ormai divenuta l’Afganistan.
Per più di 20 km ed oltre ovvero fino dopo il transito per Borgo, cinque atleti al comando, ad andature regolari senza spingere mai: i due keniani, Emanuele Zenucchi, che però fermava la sua corsa prima del transito sotto l’acqua a San Piero a Sieve, Paolo Battelli anche lui fermo dopo una trentina di chilometri e Lorenzo Martire, atleta quasi di casa che fermava la corsa al transito della non competitiva.
Al transito sulla pista ciclabile, ovvero quando ormai mancava poco, Philimon Kipkering lasciava il compagno Solomon e s’involava verso il traguardo, chiudendo in un tranquillo quanto salomonico 2h29’53’’; distanziato di 17’’ l’amico Solomon, mentre terzo Alessandro Manente del Brema Running Team a 1’34’’ secondi dal vincitore. Seguono Pietro Colnaghi, in 2h33’59’’ e, staccatissimo lo sloveno Ianez Ferlic a circa 24 minuti dal primo.
Il primo toscano a giungere sul traguardo è stato il livornese Alberto Bambini, che ha chiuso in 2h59’11’’, oltretutto Bambini è stato anche il primo veterano. Il primo mugellano al traguardo è stato Riccardo Brilli, dei Cillo Runners, neo nata società di Borgo San Lorenzo, costola del più famoso Cillo Basket.
In campo femminile come preannunciato netta vittoria della genovese dei maratoneti del Tigullio, Sonia Ceretto che ha chiuso seppur in tranquillità in 3h02’34’’, suo personal best sulla distanza. Le sue parole oltre che di contentezza, di un pianto liberatorio per le fatiche di quest’ultimo anno (Sonia è diventata per la seconda volta mamma proprio un anno fa), transito obbligato verso il mondiale di novembre. Bellissimo e forse inatteso per lei secondo posto per la parmense del Cus Parma, Lara Mustat con il crono di 3h13’01’ e terza come già lo scorso anno, la prima toscana, la pratese Chiara Ghiardi, 3h19’. Seguono la modenese Patrizia Rossi e la pistoiese Luisa Betti.

Premiazioni e ringraziamenti
Un successo inaspettato dunque per questa edizione: 320 gli arrivati sulla distanza classica, il resto come spesso accade ha optato per la distanza non competitiva, mentre molti sono stati anche i ritirati complice la pioggia che si è riversata nei primi chilometri lungo il percorso.
Man mano che proseguivano gli arrivi alla presenza delle autorità comunali che hanno ancora una volta appoggiato la manifestazione in toto, si sono svolte le premiazioni non prima che i vincitori come da tradizione facessero il giro di onore con colui che ne è il vero continuatore, l’anima vera dopo la scomparsa di Gherardi della manifestazione: Mauro Boretti .
Fra i gruppi a maggior partecipazione vincono il Club Supermarathon Italia che per la prima volta si presentavano in veste ufficiale.
Il Club voluto e fondato dal compianto Presidente Tampieri si è riunito in assemblea generale proprio la mattina di sabato per decidere alcune linee future per dare continuità e valore all’opera intrapresa da Sergio Tampieri: in data da definirsi e sicuramente a Forli, una Maratona in suo onore, mentre sempre in data da definirsi, ne verrà data notizia più precisa in seguito, i supermaratoneti che lo desiderano si ritroveranno per “Piantare un albero” alla memoria di un uomo che è vissuto nel giusto e con il pensiero sempre verso gli altri, verso chi aveva bisogno di una mano.
L’organizzazione della Maratona del Mugello ringrazia tutti gli sponsor, le autorità e in particolare tutti gli atleti che non hanno voluto mancare a questa edizione e dà appuntamento a settembre del 2011 per la 38esima edizione.

 

Guarda la Classifica Generale Maratona del Mugello 2010.pdf

Denise Quintieri
Ufficio Stampa Maratona del Mugello

(Fonte Comitato Maratona del Mugello)

18 Settembre 2010: Kipkering e Ceretto dominano alla Maratona del Mugello!ultima modifica: 2010-09-21T20:14:00+02:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento