CORRERE AL FEMMINILE

Donna Corsa

corsa donna 1.jpgAlcuni consigli al femminile per chi si appresta ad iniziare l’attività podistica anche in vista dell’arrivo della primavera, stagione che invoglia….Ancora troppe donne non riescono a interpretare correttamente il gesto atletico, soprattutto per mancanza di conoscenze specifiche e pertanto evidenziamo alcune cose importanti per iniziare a correre.

1 – Non lasciatevi influenzare da chi giudica il vostro stile di corsa o i vostri tempi. Voi correte per voi stesse!

2 – Non lasciatevi influenzare da chi vi suggerisce (perché siete donna!) un allenamento blando. Correre intensamente può solo portare reali benefici.

3 – Lo sport è un’attività seria: mentre correte non usate le cuffiette per ascoltare la musica e non copritevi più del dovuto (magari per cercare di sudare!)

4 – Statisticamente, le donne corrono indicativamente più lentamente degli uomini di circa 20″/km. L’atleta femminile che deciderà di competere agonisticamente nelle categorie amatoriali troverà probabilmente una concorrenza molto scarsa (spesso le partecipanti si contano sulla punta delle dita). Deve imparare a giudicare la sua prestazione non dal piazzamento, ma dal suo riscontro cronometrico, eventualmente rapportandolo a quello maschile.

6 – Attualmente si ritiene che un esercizio moderato durante una gravidanza normale sia assolutamente sicuro per il bambino. La precauzione più importante: evitate di surriscaldarvi (una temperatura corporea superiore a 38 °C può provocare danni al nascituro). Per verificare lo stato della temperatura, all’inizio della gravidanza misurate la temperatura rettale subito dopo una corsa. Finché si mantiene sotto i 38 °C potete mantenere lo stesso livello di sforzo durante la gravidanza. Se aumentate intensità o durata verificate nuovamente la temperatura. Inoltre evitate la doccia calda dopo l’allenamento.

7 – Le donne generalmente hanno piedi più sottili di quelli degli uomini; quando acquistate le scarpe, fareste probabilmente meglio a cercare un modello specifico per le runner. Tuttavia non sempre è così: se la forma del vostro piede lo consente, potrete anche acquistare scarpe per uomini. In ogni caso scegliete sempre una calzatura adatta al vostro piede.

8 – Consideratevi comunque e sempre un’atleta. Non fate mai ciò che un’atleta professionista non farebbe mai.

9 – Se correte con uomini sceglieteveli intelligenti: lasciate perdere quelli che, se battuti, cercano rivincite.

10 – I due minerali a cui le runner devono prestare maggiore attenzione sono il calcio e il ferro (il ferro è particolarmente importante durante il periodo mestruale). Da sfatare il mito degli spinaci: i sali di ferro in essi contenuti sono di difficile assorbimento. Un’avvertenza: le runner che si allenano intensamente, hanno avuto una gravidanza nei due anni precedenti o consumano meno di 2500 calorie al giorno dovrebbero sottoporsi a analisi del sangue più approfondite rispetto al semplice livello di ferro (sideremia), monitorando anche la ferritina, la transferrina.e la capacità totale di legare il ferro.

11 – Non c’è alcuna necessità di saltare un allenamento o una gara a causa delle mestruazioni. Se soffrite di crampi, spesso la corsa allevia il dolore, grazie al rilascio di endorfine causato da questa pratica sportiva. Allenamenti a ritmo veloce o in collina possono essere particolarmente efficaci, secondo Jody Weitzman del Maryland Women’s Health and Support Services. Eventualmente utilizzate due assorbenti affiancati per una protezione più sicura.

12 – Se correte molto intensamente e le vostre mestruazioni si riducono o scompaiono, potreste rischiare danni ossei. L’amenorrea (l’assenza di mestruazioni) indica che il livello di estrogeni nel vostro organismo è basso o nullo. Gli estrogeni sono essenziali per il mantenimento del livello ottimale di minerali nelle ossa. Le runner amenorreiche possono correre ai ripari assumendo estrogeni e calcio. Qualsiasi runner con questo tipo di problema deve consultare il ginecologo, meglio se particolarmente sensibile alle necessità di chi corre.

Fonte: www.okkioallespalle.it

CORRERE AL FEMMINILEultima modifica: 2010-02-18T14:00:24+01:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento