ATLETICA: BUON INIZIO PER GIBILISCO

Gibilisco: buon esordio con 5,60 nell’asta

Talotti: 2,15 nell’alto

Versione stampabile

Buon esordio stagionale per Giuseppe Gibilisco. L’astista siracusano ha superato ieri sera a Cottbus la misura di 5,60, piazzandosi al secondo posto nel meeting tedesco dedicato esclusivamente ai salti in elevazione.

Meglio di lui, con 5,70 superati al secondo tentativo, ha fatto solo il russo Alexander Gripich, che ha poi tentato senza successo la via dei 5,83. Per Gibilisco cinque prove in totale nella serata di Cottbus: le due immediatamente riuscite alle quote di 5,40 e 5,60, e poi i tre errori a 5,70. Nomi illustri tra i battuti: alla misura di 5,60, superata ma al secondo tentativo, i tedeschi Bjorn Otto e Alexander Straub; più indietro, a 5,50, l’altro tedesco Tim Lobinger. Nell’unica altra gara in programma nella serata, quella di alto donne, vittoria per la kazaka Marina Aitova, salita a 1,94, stessa quota valicata dalla russa Gordeeva (seconda per maggior numero di errori). Terza piazza per la tedesca Kroger, 1,92.

Talotti si ferma a 2,15 a Trinec Versione stampabile

Dopo il 2,28 di sabato scorso ad Hustopece, soltanto due salti lunedì sera a Trinec (Rep. Ceca) per Alessandro Talotti. L’altista dei Carabinieri ha preferito fermarsi, dopo aver valicato 2,15 al secondo tentativo, per un piccolo risentimento muscolare. La seconda tappa del 6° Moravia High Jump Tour è così andata al russo Ivan Ukhov con 2,34, tre centimetri sotto alla misura (2,37) grazie a cui si era già aggiudicato la prima prova ad Hustopece. Tra le donne, invece, vola subito in alto l’iridata Blanka Vlasic che, all’esordio stagionale, supera quota 2,01.

“Dopo il riscaldamento – racconta Talotti, all’indomani della trasferta nella Repubblica Ceca – sentivo ancora un po’ di affaticamento al bicipite femorale dalla gara di sabato e non me la sono sentita di rischiare visto che avevo appena ottenuto il limite per i Mondiali e troppe volte mi sono mangiato le mani per voler strafare. E’ un problemino che mi succede ogni tanto quando sono un po’ carico di lavoro, ma con un massaggio va a posto. A malincuore ho sofferto nel vedere gli altri in gara, anche perchè ieri avrei voluto superare 2,30. Pensate che in riscaldamento saltavo con mezza rincorsa credendo che l’asticella fosse a 2 metri e invece era a 2,15. Quindi potevo fare davvero bene, buono a sapersi per Doha! La mia prossima gara sarà Mosca il 7 febbraio poi Stoccolma il 10. Poi, rimarrò in Svezia per una settimana di allenamento con Stefan Holm in vista degli Assoluti”.

ATLETICA: BUON INIZIO PER GIBILISCOultima modifica: 2010-01-28T07:00:00+01:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento