“16°Trofeo di Liberazione”: a Cerbaia di Lamporecchio vincono Roberto Gianni e Elisa Dami.

DAMI.jpgSUCCESSO in solitario per Roberto Gianni (Parco Alpi Apuane) nell’ edizione numero 16 del “Trofeo di Liberazione” che si è tenuto a Cerbaia di Lamporecchio su di un percorso misto campestre e asfalto.

GIANNI.jpgIl podista di origini lucchesi sul percorso competitivo di chilometri 9,500 ha concluso la sua fatica in 34’05” staccando di 21” Giovanni Brattoli (La Galla Pontedera) e di 25” Andrea Ragionieri (Toscana Atletica Empoli), più lontani Daniele Iodice (Vinci), Luca Silvestri (Massa e Cozzile), Claudio Fanciullacci (Mt Montemurlo), Emil Lazzari (Run…Dagi), Gabriele Andreoni (Silvano Fedi Pistoia), Luca Giannoni (Atletica Castello) e Mario Carbone (Vinci).

trofeo,liberazione,cerbaia,lamporecchio,elisa dami,roberto gianniRiccardo Cecconi (Silvano Fedi)  in 36’02” è il migliore dei Veterani, categoria in cui ha la meglio nei confronti di Roberto Politano (Parco Alpi Apuane) e Rinaldo Bolognesi (Massa e Cozzile) mentre negli Argento nuovo trionfo di Franco Dami (Silvano Fedi Pistoia) in 37’56”, alle sue spalle il compagno di squadra Roberto Mei e Santi Santangelo (Castello).
La gara femminile vede il successo della monsummanese Elisa Dami (Silvano Fedi Pistoia) in 42’17”, a 36” Barbara Martini (Casa Culturale San Miniato Basso) e a 1’13” la sorella e compagna di colori Tiziana Dami, ai piedi del podio Elena Sciabolacci (sempre Silvano Fedi) e Anna Baroncini (Montecatini). Maria Amelia Nardi (La Stanca Valenzatico) trionfa fra le Veterane in 45’39”, piazza d’onore per Sonia Santini (Pieve a Ripoli). La graduatoria per società vede salire sul gradino più alto del podio Massa e Cozzile con 22 iscritti, secondo gradino per la Podistica Fattori Quarrata con 14 e terzo alla Podistica Galleno con 13.

TROFEO DI LIBERAZIONE.xls

Fonte:

Giancarlo Ignudi

“16°Trofeo di Liberazione”: a Cerbaia di Lamporecchio vincono Roberto Gianni e Elisa Dami.ultima modifica: 2013-07-13T16:37:00+00:00da corrintoscana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento